Così diceva l’Imperatore Augusto: significa “affrettati lentamente”. É quanto sembra fare Apran con il proseguo dei contratti del pubblico impiego, ma molto molto lentamente.

Finalmente però ci sono le prime convocazioni da metà maggio in poi per cominciare a ragionare su indennità, ordinamento e parte normativa del contratto.