Mentre il Sole 24 Ore di questa mattina (4 agosto 2017) informa che a livello nazionale le Camere di commercio passeranno da 105 a 60 tramite fusioni ed accorpamenti (6.700 dipendenti, con 2.000 in meno), come previsto dalla riforma Madia, la Direzione della Camera trentina ha convocato ieri le Organizzazioni sindacali per comunicare che è allo studio un progetto di riorganizzazione interna dell’Ente che prevede una riduzione delle aree organizzative e una ridefinizione degli uffici al fine di valorizzare al meglio il personale (in forte riduzione causa pensionamenti) e di far fronte ai nuovi impegni assegnati dal Governo agli enti camerali (digitalizzazione delle imprese, alternanza scuola-lavoro). La versione definitiva del nuovo organigramma della Cciaa di Trento vedrà la luce entro metà settembre e sarà presentata in quel periodo anche ai sindacati. In Cciaa oltre a Fenalt, che rappresenta la maggioranza dei lavoratori sindacalizzati, è attivo anche il neocostituito Sindacato autonomo (S.indi)