Trento, 14 novembre 2017 – Dalle colonne dell’Adige di oggi (pg. 12)  si lancia l’allarme per l’invecchiamento del personale della Provincia. Per effetto del blocco delle assunzioni imposto dal governo Monti e per il naturale avanzamento dell’età si calcola che nei prossimi 5 anni i dipendenti provinciali saranno 500 in meno (3945) di cui oltre il 66% sopra i 50 anni. Con la finanziaria la Provincia prevede nuove assunzioni in tutto il comparto delle autonomie locali con stabilizzazioni dei precari. Inoltre 3,5 milioni di Euro sono stanziati per assunzioni di emergenza onde scongiurare il rischio che ci siano problemi di organico in settori strategici (infermieri, vigili del fuoco).  Sul tema dell’età – che comunque non si risolve con le assunzioni, se non in termini di media matematica –  Fenalt ha più volte fatto sentire la propria voce per chiedere all’Amministrazione di progettare insieme un’organizzazione del lavoro più compatibile con una vita lavorativa che si protrae sempre più nel tempo.