Trento, 26 novembre 2017 – Alla fine hanno vinto loro e per la Provincia autonoma di Trento potrebbe essere una stangata. Undici precari del mondo della scuola hanno ottenuto ragione dal giudice del lavoro che ha considerato illegittimo il ricorso ai contratti a termine oltre i 36 mesi per sopperire a carenze di organico stabili e strutturali e discriminatoria la differenza di trattamento economico fra insegnanti a tempo determinato ed indeterminato. Il risarcimento per gli undici ricorrenti si aggira intorno ai 50 mila Euro, ma altri docenti potrebbero seguire il loro esempio, anche quelli già immessi in ruolo se in passato hanno subito le stesse condizioni. E per la Provincia si preannunciano futuri possibili risarcimenti.