Trento , 4 dicembre 2017 –  Con il decreto del ministero del lavoro del 20 settembre 2017, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 3 ottobre 2017, cambiano i requisiti per accedere al pensionamento anticipato per chi svolge lavori usuranti regolamentati dal decreto 67/2011. Per i lavori usuranti vengono eliminate le finestre mobili e inserite ulteriori mansioni faticose tra quelle agevolate e non ci saranno nuovi adeguamenti alle speranze di vita fino al 2015. Potranno andare in pensione con la quota 97,6 con almeno 35 anni di contributi. A partire dal 2017 i lavori usuranti devono essere stati svolti per almeno 7 anni negli ultimi 10 di lavoro; per un numero di anni pari almeno alla metà della vita lavorativa complessiva. I dipendenti pubblici dovranno presentare la certificazione del datore di lavoro che attesta le mansioni usuranti, il lavoro svolto e le retribuzioni percepite. Per loro resta tutto invariato, mentre i lavoratori privati che hanno iniziato a svolgere lavori usuranti in data successiva all’11 gennaio 2008, non dovranno presentare nessuna documentazione in quanto toccherà all’Inps e all’ispettorato del lavoro fare le dovute verifiche. Chi invece ha iniziato prima dell’11 gennaio 2008 deve presentare uno dei seguenti documenti: libro matricola, libro unico del lavoro, libretto di lavoro, ruolo di equipaggio, comunicazione al centro per l’impiego su cessazione o variazione del rapporto di lavoro. Indipendentemente dalla data di inizio del lavoro usurante servirà allegare il contratto di lavoro individuale, contenente l’indicazione di inquadramento e le mansioni lavorative. Chi presta lavoro notturno in base all’articolo 1, comma 2, lettera g, Dlgs. 66/2003, invece dovrà presentare il contratto di lavoro individuale con l’indicazione del contratto collettivo nazionale, territoriale, o aziendale e il livello di inquadramento, e un prospetto di paga con indicazione delle maggiorazioni dovute al lavoro notturno. Vista la complessità della materia e visto anche che sono cambiati i documenti che i lavoratori addetti a mansioni usuranti devono presentare ed anche le scadenze per comunicare l’esito della domanda all’ente previdenziale dal lavoratore interessato, vi suggeriamo di rivolgervi al nostro patronato Caf- Coldiretti-Impresa Verde, tel. 0461-915575