Trento, 12 febbraio 2018 – Novità a livello nazionale per quanto riguarda le assunzioni nel pubblico impiego.  La ministra Marianna Madia dovrebbe presentare un pacchetto di misure relative al fabbisogno di personale  entro il mese a Comuni e Regioni. Assunzioni  secondo piani predeterminati in base ad analisi del fabbisogno, concorsi con cadenza regolare, tre anni quella standard. Dalla programmazione dei fabbisogni dipende anche, a livello nazionale, la programmazione delle carriere.  La riforma del pubblico impiego dà  infatti la possibilità dal 2018  di riservare agli interni fino al 20% dei posti.  Il ministero è al lavoro da tempo sul dossier e non solo perché  è partita la stabilizzazione di 50mila precari, ma anche perché dal prossimo anno il turnover si sbloccherà e per gestire l’ondata di assunzioni faranno testo i piani di fabbisogno  che avranno orizzonte triennale.  Gli obiettivi da perseguire nella programmazione delle risorse saranno “economicità, efficienza e qualità dei servizi ai cittadini”.