Trento, 28 maggio 2019 – “Il comportamento della Sherman Holding, proprietaria di Mercatone Uno, è indecente e dimostra, ancora una volta, quanto è stato svalutato il lavoro negli ultimi decenni. Le lavoratrici e i lavoratori direttamente coinvolti, 1800, hanno appreso nella notte da Facebook il fallimento della catena di esercizi commerciali e il loro conseguente licenziamento”. Così Stefano Fassina del Pd ha commentato la deplorevole vicenda dei lavoratori di Mercato Uno che recandosi sul posto di lavoro hanno trovato i 55 punti vendita italiani chiusi e hanno scoperto che nottetempo erano stati avvisati via Facebook e Whatsupp del fallimento. Nella vicenda sono coinvolti anche gli oltre 30 dipendenti del punto vendita di San Michele all’Adige. L’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro della Provincia di Trento Achille Spinelli apprende “con preoccupazione la notizia improvvisa” del fallimento di Mercatone Uno. “Ora non resta che attivare le tutele previste per i lavoratori e dare mandato a Trentino Sviluppo di verifica delle ipotesi di insediamento alternative che è possibile proporre alla curatela o di individuazione delle imprese già presenti che possano assorbire almeno parte della forza lavoro trentina” conclude Spinelli. la Shernon Holding srl, su cui si concentravano le speranze di rilancio dello storico sponsor di Pantani, aveva acquisito i 55 punti vendita nell’agosto 2018 e circa un mese fa aveva presentato domanda di ammissione al concordato preventivo. Venerdì 24 marzo il tribunale di Milano ha dichiarato il fallimento della società.