Trento, 12 luglio 2019 – Quando, e se, il disegno di legge sul ricalcolo col sistema contributivo dei vitalizi degli ex-consiglieri regionali previsto dall’Accordo Stato-Regioni  ed approvato di recente dall’ufficio di presidenza del Consiglio regionale, diventerà legge, per molti il taglio sarà significativo. Soprattutto per chi ha ricoperto incarichi per più mandati tra gli anni ’60 e ’80. La decurtazione dell’assegno potrà essere anche di diverse migliaia di Euro. Non si potrà infatti percepire più di 4.127 Euro lordi e meno di 1.300. Ma molti potrebbero passare da oltre 4mila Euro a 1.500 Euro. La Consulta e la Cassazione si sono già espresse chiaramente sulla legittimità di questi tagli. Quindi basta ricorsi. Finalmente anche la Regione Trentino-Alto Adige si adegua ad un regime che fa valere lo stesso principio per tutti: quello contributivo.