Trento, 22 settembre 2019 – Cresce dell’1,8% il fatturato delle imprese trentine nel secondo trimestre dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2018. Ma in confronto al trimestre precedente – quando la crescita su base tendenziale era stata del 2,6% – la spinta propulsiva cala quasi dell’1%. A certificarlo sono i dati dell'”Indagine sulla congiuntura in provincia di Trento” pubblicati dalla Camera di Commercio.

Sul fronte della domanda gli indicatori economici rivelano che quella interna è ancora in crescita, anche se su ritmi più contenuti, mentre l’export registra una flessione rispetto al trimestre precedente benché i valori permangano positivi  (+0,3%). Su base annua invece l’export del secondo trimestre ha fatto registrare valori di eccellenza raggiungendo il record di 1,25 miliardi (+1,4% rispetto al secondo trimestre 2018).

I settori che si caratterizzano per una variazione decisamente positiva del fatturato rispetto ad un anno fa sono il commercio, al dettaglio (+6,3%) e all’ingrosso (+6,1%), i servizi alle imprese (+5,0%) e il comparto estrattivo (+3,5%).
Il manifatturiero evidenzia una crescita molto contenuta (+0,8%), mentre i settori che si caratterizzano per una contrazione dei ricavi delle vendite sono i trasporti (-3,3%) e le costruzioni (-5,9%).

La variazione tendenziale del fatturato risulta positiva per le imprese di media dimensione con un numero di addetti compreso tra 11 e 50 (+4,6%) e per le unità più piccole fino a 10 addetti (+3,2%). Col segno meno l’andamento dei ricavi delle vendite evidenziato dalle grandi imprese (-0,3%). Segno meno anche per l’occupazione benché di lieve entità (-0,1%).

Per ulteriori informazioni si veda il sito della Cciaa di Trento >>>