Trento, 31 ottobre 2019 – Calano le aziende attive nel settore del commercio in Trentino e lo fanno lentamente, ma inesorabilmente dal 2013. All’epoca erano 8.666, all’inizio di quest’anno erano 7.914 ovvero l’8,7% in meno. A dirlo sono i dati della Camera di Commercio di Trento che propongono una radiografia del settore sia nell’ambito del dettaglio che dell’ingrosso. Nell’ambito del commercio al dettaglio sono 8.387 i punti vendita attivi in provincia di Trento con una superficie complessiva pari a 913.925 metri quadrati. La dimensione media del singolo esercizio è pari a 109 metri quadrati: erano 99,9 nel 2007. Nel corso del 2018, a fronte di una riduzione del numero degli esercizi (-82 unità), è rimasta sostanzialmente stabile la superficie di vendita. Un dato poco consolante. Le variazioni più rilevanti, nel confronto tra le annate 2009 e 2018, hanno riguardato una crescita dei negozi sportivi (oggi 276; +46 esercizi), di quelli specializzati nella vendita di medicinali (oggi 205; +40), mentre in contrazione è risultato il numero degli esercizi al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione (oggi 287; -71) e quello dei negozi tessili (oggi 140; -71). Il commercio al dettaglio con sede fissa dà lavoro in Trentino a 16.155 adetti considerando sia le imprese registrate in Trentino sia le unità locali di imprese fori provincia.

Sempre a fine dicembre 2018 il settore del commercio all’ingrosso si componeva di 1.377 imprese registrate, di cui 1.206 attive, confermando il progressivo, graduale calo registrato negli ultimi anni. Gli addetti del commercio all’ingrosso di imprese con sede in Trentino e pertanto registrate nella banca dati della Camera di commercio di Trento, sono 7.080; mentre gli addetti che lavorano in provincia di Trento, indipendentemente dall’ubicazione della sede dell’impresa, sono 6.664.