ECONOMIA: FRENA L'EUROPA

Economia E Lavoro
| 8 febbraio 2020

Trento, 8 febbraio 2020 - Nell'ultimo mese del 2019 la produzione industriale tedesca è scesa del 3,5% rispetto al mese precedente, specialmente a causa di una debolezza della domanda da parte di altri Paesi europei; si tratta del calo più accentuato dal gennaio 2009 (nel pieno della crisi finanziaria globale). 
Negative le notizie anche dalla Francia, dove la produzione industriale ha registrato a dicembre 2019 una contrazione del 2,8% rispetto a novembre e del 3% nei confronti dello stesso mese del 2018 (-2,6% mese su mese): sul calo hanno inciso anche le diffuse proteste e scioperi contro la riforma pensionistica promossa dal presidente Macron. Male anche la produzione in Olanda e Spagna. Anche in Italia prosegue la fase di difficoltà: secondo l’Istat, tuttavia, la tendenza negativa è più contenuta. Non si tratta certo del tracollo tedesco, ma il gennaio appena fotografato dai ricercatori italiani mostra ancora un’economia fiacca, e soprattutto esposta alle incognite di una congiuntura internazionale che continua a offrire più rischi che opportunità. 

Vuoi usufruire dei servizi offerti da FENALT?