LA REGIONE ASSUME DALLE GRADUATORIE DELLA CAMERA DI COMMERCIO. IL CONTRATTO? ANCORA FERMO

Regione - Camera Di Commercio
| 30 luglio 2020

Trento, 30 luglio 2020 - La giunta regionale del Trentino Alto Adige ha deliberato l'assunzione di 7 funzionari a tempo indeterminato, sei dei quali saranno destinati agli uffici giudiziari del Trentino ed uno all'ufficio del personale della Regione con sede a Trento. Per accelerare i tempi la Giunta regionale ha fatto ricorso alla graduatoria di un concorso pubblico bandito dalla Camera di Commercio di Trento 2 anni fa. Un funzionario giudiziario sarà inserito nel Tribunale di Rovereto, due nella Procura della Repubblica del Tribunale di Trento, altri tre al Tribunale di Trento ed uno all'ufficio gestione giuridica del personale della Regione. Il problema della carenza del personale negli uffici giudiziari era da tempo al centro delle riflessioni fra Amministrazione e OOSS e si era aggravato anche a seguito dei numerosi pensionamenti. Intanto il rinnovo del contratto 2016-2018 del comparto Regione-Camera di Commercio-Giustizia rischia di diventare la pietra di uno scandalo tutto locale: da una parte l'Apran che manca di qualsiasi vocazione alla mediazione e insiste per introdurre modifiche peggiorative (come la perdita del maturato economico nei passaggi fra i livelli), dall'altra le Organizzazioni sindacali che sono attonite difronte a tanta ostinazione della controparte in un contratto che visto con gli occhi dell'esperienza Covid appare ormai obsoleto, oltre a languire da troppi anni. Sembra ancora lontana la possibilità di una soluzione gordiana: chiudere tutto senza modificare nulla e riparlarne sul tavolo del contratto 2019-2021, ma se si continuerà così, non pare esserci altra via d'uscita. In una situazione come questa dove il silenzio della politica è assordante, nessuno abbia più l'ardire di sostenere che si vuole valorizzare l'Ente regione. Con queste proposte lo si vuole solo affossare e l'assunzione della delega della Giustiazia da parte della Giunta provinciale precedente (malgrado le promesse di Ugo Rossi), gestita dal punto di vista contrattuale come la vicenda sta dimostrando oggi, appare essere stata solo un'operazione di facciata a mero scopo propagandistico. Anzi se si continua così la gestione della Giustizia locale ne uscirà addirittura peggiorata. Ad oggi la bozza del contratto non merita la firma di Fenalt.

 

Vuoi usufruire dei servizi offerti da FENALT?