NEPPURE L'INDENNITA' DI VACANZA CONTRATTUALE PER LE CASE DI RIPOSO. LA TENSIONE SALE

Case Di Riposo
| 26 novembre 2020

Trento, 26 novembre 2020 – Nello stesso giorno in cui il Presidente della Giunta provinciale, Maurizio Fugatti, ha annunciato ai Sindacati che non ci sarà nessun rinnovo contrattuale per il personale del pubblico impiego trentino, un’altra amara sorpresa è toccata ai dipendenti delle Apsp che non si sono visti attribuire in busta paga neppure l'indennità di vacanza contrattuale, riconosciuta invece a tutti i lavoratori del comparto pubblico. Un importo modesto, 200 euro di arretrati e un incremento di 15 euro circa, già in ritardo di un anno e mezzo, ma molto atteso dai lavoratori, in un anno particolarmente difficile. Maurizio Valentinotti, segretario generale della Fenalt, commenta con amarezza. “Dalle notizie che abbiamo ricevuto, viene addotta come giustificazione una problematica di carattere tecnico: la voce non era prevista nei programmi informatici di gestione delle buste paghe. E sì che è da almeno un mese che si parla di distribuire queste risorse nella busta paga di novembre. Non a caso in Provincia, Apsp e in tanti altri enti questo è accaduto regolarmente. In tanti ci telefonano dopo aver preso visione delle buste paga, delusi e arrabbiati per uno sgarbo che aumenta la tensione fra amministrazione e lavoratori. Gli operatori delle case di riposo, dopo un anno di eventi drammatici, non hanno avuto neppure questo e oggi si sentono trattati come lavoratori di serie B”.

Vuoi usufruire dei servizi offerti da FENALT?