SANITA' TRENTINA: TROVATO UN ACCORDO SULLA PARTE ECONOMICA DEL CONTRATTO

Sanità
| 1 giugno 2020

Trento, 1 giugno 2020 - Dopo quattro anni si è conclusa la trattativa del CCPL 2016/2018 della sanità trentina. Ci è voluto il virus e l'effettiva e reale possibilità che quei soldi sparissero, per far ritrovare un'unità sindacale. Si è partiti con un confronto duro, l'Apran è rimasta spiazzata nel vederci, seppur in video conferenza, tutti nella stessa sala. C'è stato persino il tentativo da parte loro, di spostare la riunione alla settimana seguente, ma noi eravamo determinati a chiudere in giornata e non abbiamo mollato. C'erano dei nodi da sciogliere per ogni sindacato che con l'arrivo di ulteriori 200.000 Euro e di 350.000 Euro che dovevano essere ancora collocati siamo riusciti a sistemare. Dopo aver preso un'ora di tempo per coordinarci, abbiamo messo l'Apran con le spalle al muro con una proposta secca firmata da tutti noi. A questo punto l'Apran non ha potuto che verificare l'esattezza degli importi e siglarla a sua volta. Unica voce fuori dal coro la CGIL che in un'incomprensibile atteggiamento ha abbandonato la sala dove eravamo tutti, perdendo di fatto la possibilità di incidere sulla proposta che a quel punto è stata scritta e firmata solo dai presenti. La parte economica, quindi, verrà posta alla firma finale mercoledì per poi passare in Giunta. Da parte nostra vi è l'impegno di dare inizio già dalla settimana entrante alla discussione sulla parte normativa, altrettanto importante.

Paolo Panebianco,
Responsabile area Apss

Vuoi usufruire dei servizi offerti da FENALT?