SMART WORKING: DIFFIDIAMO CHI NON LO APPLICA

Diritti Dei Lavoratori
| 26 marzo 2020

Trento, 26 marzo 2020 - Troviamo inaccettabile che ci siano ancora tanti datori di lavoro pubblici o dirigenti che non applicano con serietà il concetto della norma nazionale più importante per conciliare prevenzione e continuità dei servizi, ovvero l'imperativo dello smart working; è davvero assurdo.

Sono tantissimi, troppi, i lavoratori che ci chiamano per dirci che potrebbero fare tranquillamente da casa quello che invece alcuni enti pretendano continuino a fare in ufficio. Arriviamo al paradosso di situazioni che, senza entrare nel merito per questioni di riservatezza, vedono dei lavoratori obbligati a stare in servizio con colleghi che si sono presentati con tosse, per scoprire dopo un paio di giorni che i parenti risultavano malati di Covid 19.

Adesso sono nel panico. Per questo voglio che giunga chiara la nostra diffida ai responsabili del personale: la regola deve essere smart working e chi è leggero su questa regola, se ne dovrà assumere le responsabilità.

Invitiamo i lavoratori a continuare a segnalarci le anomalie.

Un secondo punto poi riguarda il nostro appello a non far andare al lavoro, anche se inseriti in mansioni non differibili, i lavoratori che hanno il coniuge o che lavora in prima linea con i pazienti Covid 19. Lo chiediamo perché c'è bisogno di qualcuno a casa se ci sono figli, ma soprattutto perché il contatto con il personale delle strutture sanitarie ecc, è uno dei punti deboli del sistema, in quanto tale personale va tutelato con ogni sforzo, e allo stesso tempo può rappresentare una fonte importante di contagio.

Vuoi usufruire dei servizi offerti da FENALT?