RIFORMA DEL FISCO: COSA BOLLE IN PENTOLA

Economia E Lavoro
| 5 luglio 2021

Trento, 5 luglio 2021 - Sono centinaia le tasse che pesano sulle tasche degli italiani, ma soprattutto ci sono troppi microtributi che vanno eliminati. Sono queste le principali considerazioni emerse dalla bozza dell’indagine svolta dalle Commissioni Finanze di Camera e Senato, che stanno ultimando il documento di indirizzo politico per il disegno di legge delega sulla riforma fiscale. Non dovrebbe quindi mancare molto al varo della bozza di riforma più volte annunciata da Mario Draghi, e si conta sulla lungimiranza del legislatore per ridurre non solo il macigno che pesa ogni anno sul bilancio delle famiglie, ma anche per snellire la burocrazia e raggiungere gli obiettivi di semplificazione fiscale di cui il nostro Paese ha tanto bisogno. Tutti i partiti sembrebbero concordi sulla semplificazione del sistema e su una ristrutturazione dell’Irpef, in particolare a favore del ceto medio, quello con reddito compreso tra i 28 mila e i 55 mila euro. In questa fascia di reddito gli oneri fiscali possono superare anche il 40%. Non è ancora chiaro se beneficeranno della sforbiciata anche le tasse regionali e comunali. Ciò che sembra più possibile, oltre alla riforma dell'Irpef, è l'abolizione delle microtasse che generano un parte infima di gettito, meno dello 0,01% del totale a livello nazionale e dello 0,1% a livello territoriale. Tra i microprelievi in esame ci sono la tassa di laurea, l’imposta sugli intrattenimenti per locali e sale giochi, il superbollo per le macchine più potenti (oltre 252 cv), le tasse di abilitazione alla professione, la addizionale sui canoni per le utenze e la maggiorazione della Tari. La volontà del Parlamento sembra quella di istituire un nuovo patto tra contribuenti e Fisco, che spinga i cittadini a pagare più volentieri meno tasse, e quindi a premiare i contribuenti più leali. Ma rimangono ancora molti nodi da sciogliere, tra cui il regime forfettario, la flat tax per le partite iva e, come già detto, la ridefinizione dell'Irpef.

 

Vuoi usufruire dei servizi offerti da FENALT?