IL TRENTINO-ALTO ADIGE HA IL RECORD DI INFLAZIONE (+9%)

Economia E Lavoro
| 18 giugno 2022

Trento, 18 giugno 2022 - L'inflazione accelera e tocca il massimo dalla fine degli anni Novanta: a dirlo è Istat, l'Istituto nazionale di statistica. Spinta ancora dagli energetici ma anche dagli alimentari. Così non solo le bollette e i carburanti ma anche la spesa si fa più cara. A maggio, i prezzi al consumo registrano un aumento dello 0,8% su base mensile e del 6,8% su base annua (dal +6% di aprile). Dopo il rallentamento di aprile, l'inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da novembre 1990. Per il carrello della spesa bisogna andare indietro di 36 anni. L'andamento generale preoccupa famiglie e imprese. Il caro-vita è generalizzato. In forte crescita sono i prezzi del cosiddetto carrello della spesa che su base nazionale rincara del 6,7% (dal 5,7% di aprile), come non accadeva dal marzo 1986 (quando fu +7,2%). A farlo correre ci sono in particolare gli alimentari lavorati, che salgono del 6,6% in un anno. Rialzi che si traducono in una nuova stangata per le famiglie: le associazioni dei consumatori calcolano un salasso che va dai 2.300 euro ai 2.700 euro l'anno per una coppia con due figli, secondo i dati dell'Unione nazionale consumatori e del Codacons. E che tocca il picco, superando i 3.000 euro annui, per il Trentino Alto Adige dove l'inflazione corre di più. Tra i capoluoghi delle regioni e delle province autonome e tra i comuni non capoluoghi di regione con più di 150mila abitanti, in testa per l'inflazione più alta infatti c'è Bolzano (+9,1%), seguita da Trento (+9,0%) e subito dopo da Catania e Palermo (+8,8% per entrambi). Al contrario, in coda con le variazioni annue più contenute si classificano Campobasso (+5,8%), Venezia (+5,8%) e Ancona (+5,6%). In generale, l'aumento dell'inflazione su base annua si deve ai prezzi di diverse tipologie di prodotto e in particolare dei Beni energetici (+42,6%) ma anche dei Beni alimentari (+7,1%), soprattutto di quelli lavorati (+6,6%). Pertanto, l'inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, accelera a +3,2% e quella al netto dei soli energetici a +3,6%.

Vuoi usufruire dei servizi offerti da FENALT?