CASO PEDRI: FENALT AMMESSA COME PARTE CIVILE

Sanità
| 13 gennaio 2024

Trento, 12 gennaio 2024 - Oggi presso il Tribunale di Trento si è tenuta la seconda udienza preliminare per il rinvio a giudizio dei sanitari Tateo e Mereu per il caso Sara Pedri e per i fatti testimoniati da diversi lavoratori. Nella precedente udienza a dicembre, Fenalt si era costituita parte civile. Il sindacato come parte sociale che tutela i lavoratori, non poteva non essere presente in una vicenda così importante e tragica svoltasi sul luogo di lavoro. Il giudice chiamato a decidere sulla nostra ammissibilità nel procedimento penale ha accolto la richiesta di Fenalt, unico sindacato che si è costituito parte civile.

Un passo importante per Fenalt e per il sindacato che potrà seguire lo svolgersi del procedimento a pieno titolo grazie all’ottimo lavoro degli avvocati Paolo Emilio Letrari e Diego Berti di Rovereto.

"Siamo soddisfatti di poter rappresentare i lavoratori in questa triste vicenda - ha dichiarato il segretario generale Maurizio Valentinotti - Come Fenalt abbiamo particolarmente a cuore il fenomeno del mobbing e del benessere sui luoghi di lavoro, e crediamo che a fronte di tanti impegni formali, nella realtà ci sia molta disattenzione verso le problematiche che spesso i lavoratori, autonomamente o tramite il sindacato, segnalano. Per questo abbiamo voluto costituirci, perché vogliamo lavorare a fianco dei lavoratori dal quotidiano della vita lavorativa e fino al momento di chiedere giustizia nei  processi, proprio perché fatti del genere non si ripresentino più".
 

Vuoi usufruire dei servizi offerti da FENALT?